Workshop

LISTEN TO YOUR BODY: MEDITAZIONE E CAMBIAMENTO

LISTEN TO YOUR BODY

Il cambiamento è un processo assolutamente naturale e inevitabile del ciclo di vita delle creature. Perché allora c’è chi ne è terrorizzato?

La paura del cambiamento è essenzialmente la paura di uscire dal proprio ambiente “protetto”, di lasciare il vecchio, il passato, piuttosto che scoprire e costruire il futuro.

Certo, cambiare non è facile, soprattutto dopo anni che si è abituati ad adottare sempre i soliti schemi comportamentali: la paura viene trasformata in brillanti razionalizzazioni e si arriva alla conclusione che il cambiamento sia impossibile.

Ma cosa succede nel nostro cervello, e nel nostro corpo, quando ci troviamo davanti ad una situazione nuova?

Le attività proposte dal workshop vanno prima alla ricerca attiva della consapevolezza corporea e della propriocezione, per poi sprofondare in uno stato meditativo atto a cogliere ed accogliere i messaggi della visualizzazione guidata.

Vengono inoltre proposti esercizi mirati, singoli o di gruppo, con corde, cerchi ed altri oggetti, per sperimentare fronti, forme e formazioni, che possono fare la differenza nell’adattarsi velocemente a situazioni nuove e diverse da quelle a cui si è abituati.

Entrambe le attività sono un modo originale e divertente per comprendere meglio se stessi e le proprie resistenze al cambiamento, nonché per individuare strategie e “stati risorsa” per affrontare il cambiamento in maniera proattiva.

 

IDENTITA’ DI GRUPPO

formiche-a-lavoroNessuna performance di gruppo può essere soddisfacente se il gruppo non è coeso, se il movimento che l’osservatore percepisce non è quello di un unico organismo che respira all’unisono. Ci sono gruppi che questo affiatamento lo raggiungono subito, altri con gli anni, altri ancora sembrano non riuscire mai ad accordarsi.

Quando si lavora con i gruppi, bisognerebbe ricordare che “il gruppo è più della somma delle singole parti” e questo workshop prevede esercizi mirati a rafforzare i legami e a studiare le dinamiche dei singoli e dell’insieme, per metterle al servizio della performance.

 

Il RISPETTO PER GLI ALTRI, LA DIVERSITA’ E L’INTEGRAZIONE

integrazione

Ogni generazione viene additata, da quelle precedenti, di essere portatrice di scarsi valori e di poco rispetto per gli altri, sembra quasi un ripetersi ciclico della stessa situazione: spesso ci ritroviamo a pensare ma questi ragazzi d’oggi quali ideali perseguono?

Le nostre classi sono multiculturali, con differenze di etnie, nazionalità e religioni. Ci  sono studenti con difficoltà di apprendimento e altri con deficit mentali e/o fisici. Come fare per garantire una corretta integrazione e favorire un atteggiamento empatico nei confronti  del ‘diverso’?

Questo workshop si propone di:

  1. conoscere la diversità
  • etnie, nazionalità e religioni (facendo riferimento alle attuali condizioni socio-economiche e politiche dei vari paesi)
  • disabilità
  • difficoltà di apprendimento
  1. entrare in contatto con la diversità, promuovendo uscite all’interno del territorio di riferimento, sviluppando l’ascolto empatico e imparando a comprendere le storie individuali e a come inserirle in contesti più ampi (questo modulo può essere costituito da una o più uscite);
  2. imparare a gestire sentimenti come vergogna, rabbia, invidia e gelosia
  3. trovare modelli di riferimento

 

WORK HARD, DREAM BIG

10-idees-recues-entrepreneursNel complesso processo di insegnamento e apprendimento, l’adulto gioca un ruolo fondamentale nel prevenire l’insuccesso e la dispersione scolastica. Di grande importanza sono le componenti emotive e motivazionali dell’apprendimento: emozioni, convinzioni, motivazione e senso di autoefficacia o autopercezione.

 

In relazione all’apprendimento è possibile affermare che chi possiede una più coerente percezione di sé come studente si sente più efficace nelle situazioni di apprendimento e ottiene migliori prestazioni scolastiche. Al contrario, inadeguate o discrepanti percezioni di sé possono invece costituire situazioni demotivanti che portano ad evitare e abbandonare le situazioni di studio in funzione della difesa del sé.

Il  workshop si pone come obiettivo di avviare gli studenti con difficoltà scolastiche a un percorso di potenziamento delle abilità metacognitive e strategiche, nonché a una riflessione sul proprio sistema di convinzioni, in modo da migliorare le abilità di studio e trovare un’alternativa efficace a tutte quelle dinamiche aggressive, provocatorie, di disattenzione e depressive, tipiche di molti ragazzi.

Questo intervento può essere affiancato da uno o due percorsi paralleli  da fare con gli insegnanti e con le famiglie, che mirano a sottolineare il ruolo centrale rivestito dall’insegnante, che motiva a partire dalla propria motivazione, dimostrando così che “vale la pena stare in classe” e che è “bello imparare e studiare”, e dalla famiglia che svolge un ruolo altrettanto delicato ed importante: può motivare allo studio offrendo una visione positiva dello studio e della scuola aiutando concretamente lo studente nella gestione del tempo, nell’accettazione dell’errore, nella comprensione della necessità dell’impegno.

 

RELAZIONI DEL TERZO MILLENNIO: TANTI AMORI, STESSI ERRORI?

upside_down_poster

Quante volte vi sarà successo di cominciare una nuova relazione e ricadere nelle stesse, solite  dinamiche problematiche e insoddisfacenti della precedente, essere pieni di aspettative per il vostro nuovo partner e poi rimanere delusi tanto da non sapere se continuare la relazione o no?
Quando ci accorgiamo che uno schema si ripete siamo portati a credere che sia tutta colpa del destino avverso oppure della nostra personalità ormai immutabile.

E se non fosse così?! Se fosse possibile creare una storia migliore?!

Nel corso di questo workshop scopriremo quali sono le trappole, gli inganni e le distorsioni in cui tendiamo a cadere più frequentemente… e sperimenteremo delle strategie che ci porteranno a raccontarci nuove storie e a mettere in atto comportamenti diversi, cominciando a farci le domande giuste prima di cominciare una nuova relazione.

 

E tanti altri!!!!

Se sei interessato al mio modo di lavorare ma hai esigenze diverse da quelle indicate qui, contattami e costruiremo insieme un workshop adatto alle tue esisgenze.