THE BOOK CLUB FEBBRAIO: IL GATTO DEL DALAI LAMA

il gatto del dalai lama4

“Sai, Tenzin, a volte quando lavoro molto a lungo alla mia scrivania, la nostra piccola Leonessa delle Nevi viene a strusciarsi sulle mie gambe. A volte mi morde addirittura le caviglie finché non smetto di fare ciò che sto facendo. Vuole essere presa in braccio e salutata. Vuole passare qualche momento insieme, solo noi due. Per me è un bel promemoria, che mi ricorda di essere nel presente, qui e ora. Cosa c’è di più prezioso?” 

Non potevo non concludere questo mese insieme a “Il gatto del Dalai Lama” senza un omaggio a queste meravigliose creature che sono i gatti!

Più volte ho sostenuto che la mia gatta è la mia migliore insegnante di Mindfulness: mi costringe ad essere presente a lei al 100% quando viene a chiedere le coccole, altrimenti se ne va! Quindi anche nelle giornate in cui è stato difficile prestare attenzione al mio respiro, ai miei pensieri e alle mie emozioni, c’è sempre un momento in cui sono presente a me stessa attraverso lei.

Naturalmente questo privilegio non è solo per chi ha un gatto: qualsiasi animale ha questo potere di riportarci al qui e ora, di godere di quello che c’è senza rimpianti e senza rimuginii.

Quindi che abbiate un gatto, un cane, un criceto, un canarino o un pesce rosso… fatevi trasportare da loro nel momento presente, smettete di fare ciò che state facendo, concedetegli e concedetevi qualche carezza in piena consapevolezza.

 

(Per chi se lo stesse chiedendo, sì quella in foto è la mia miciola adorata!)